domenica 9 settembre 2018

Soffri d'insonnia? Ecco come addormentarsi


In Italia, moltissime persone soffrono d’insonnia per i motivi più rari. Si tratta di un problema che attanaglia il 30% della popolazione adulta, ma può essere superato. La tecnica per farsi trasportare al più presto sulle rive di Morfeo arriva infatti dagli Stati Uniti: ecco come addormentarsi metodo militare americano in soli 120 secondi.






Non importa quali siano le cause dell'insonnia. Anche perché il disturbo che ci porta a non dormire più o a dormire poco e male può derivare da una lunghissima serie di fattori: questioni ambientali e di temperatura, incapacità di adattamento, assunzione di sostanze, problemi cardiaci e soprattutto dallo stress.

A spiegarci come dimenticarci delle nostre notti in bianco è il preparatore atletico Lloyd Bud Winter, che nel suo libro 'Relax and Win: Championship Performance' rende finalmente noto un metodo elaborato dal Pentagono per permettere ai marines statunitensi di addormentarsi senza problemi.

Inutile dire che il suo libro è andato a ruba e ormai si trova soltanto online a prezzi esorbitanti. I suoi contenuti, però, sono stati estrapolati e resi di pubblico dominio sul web.





Come addormentarsi metodo militare americano in soli 120 secondi: relax fisico e mentale


La tecnica dei marines è molto semplice: bisogna innanzitutto rilassare ogni muscolo della testa, a cominciare dalla lingua e dalla mascella fino ai muscoli intorno agli occhi. Poi, il relax va esteso a tutto il corpo, gradualmente, dalle spalle alle gambe.

Nel frattempo, va eseguita una respirazione ritmica, che aiuti a rilassare anche il torace. Una volta arrivati in uno stato di totale riposo fisico, bisogna attendere 10 secondi e poi cominciare a rilassare anche la mente, cercando di pensare ad immagini positive e poi di svuotarla completamente.



Il metodo è semplice ma non completamente immediato. Bisogna allenarsi per circa una settimana, dopodiché si riuscirà a dormire senza problemi in soli 120 secondi!






Se hai dei dubbi non esitare a lasciare un commento, risponderemo il prima possibile. Ti ricordo di iscriverti alle notifiche (cliccando la campanella rossa che vedi infondo a sinistra) di questo blog per seguire nuovi aggiornamenti. 

Articolo interessante? Condividilo su Facebook!